Cane in aereo: la guida completa (più di 10 consigli)

Viaggiare con il cane in aereo può essere un’esperienza stressante per entrambi, ma se seguite alcuni semplici consigli potrete rendere il viaggio più semplice e piacevole per tutti.

Prima di tutto, assicuratevi che il vostro cane sia abituato a viaggiare in auto. Inoltre, munitevi di una cuccia o di una coperta per farlo dormire durante il volo e portate sempre con voi i suoi giocattoli preferiti per distrarlo.

In aereo è consentito portare cani di piccola taglia in cabina, mentre quelli di taglia più grande devono viaggiare nel cargo. Prima di acquistare il biglietto assicuratevi che il vostro cane possa viaggiare sullo stesso volo, dato che alcune compagnie aeree non consentono il trasporto degli animali.

Durante il check-in fate attenzione a specificare che viaggiate con un cane e a mostrare il certificato di vaccinazione internazionale. Ricordate anche di portare con voi la museruola e il guinzaglio.

In aeroporto è importante mantenere la calma e non lasciar scappare il cane, anche se questo significa dover correre dietro a lui per tutto l’aeroporto!

cane in aereo
cane in aereo

Indice dei contenuti

Cane in aereo: Quanto costa un biglietto aereo per un cane?

Quando si viaggia con il proprio cane in aereo, bisogna tenere in considerazione il costo dei biglietti aerei. La maggior parte delle compagnie aeree applicano tariffe differenti a seconda della taglia del cane.

I cani di piccola taglia, come i Yorkshire Terrier o i Chihuahua, possono viaggiare a bordo dell’aereo senza alcun problema e pagando il prezzo di un biglietto normale. I cani di taglia media, invece, devono pagare un supplemento per poter viaggiare.

I cani più grandi, come i Labrador o i Golden Retriever, devono pagare una tariffa maggiorata rispetto a quella applicata ai cani di taglia media. In alcuni casi, se il cane è molto grande, può essere necessario acquistare un biglietto cargo.

Per quanto riguarda i gatti, la maggior parte delle compagnie aeree non li accetta a bordo dell’aereo. Alcune compagnie low cost, tuttavia, consentono il trasporto dei gatti dietro pagamento di un supplemento.

Come stanno i cani in stiva?

Quando si viaggia col proprio cane in aereo, è importante sapere come questi vengono trattati. Molti pensano che i cani siano tenuti in gabbie o in piccole stanze, ma non è così. I cani viaggiano in stiva, proprio come i passeggeri.

La maggior parte dei cani viaggiano in contenitori appositamente progettati per loro. Questi contenitori sono spesso simili a gabbie, ma alcuni sono più grandi e consentono ai cani di stare in piedi. In genere, i contenitori sono dotati di una porta che si apre verso l’alto, in modo che il cane possa entrare e uscire facilmente.

Alcune compagnie aeree consentono ai passeggeri di portare il proprio cane in cabina, ma la maggior parte dei cani viaggiano in stiva. In genere, questo non è un problema per i cani, che si trovano a loro agio nella stiva. Tuttavia, se il tuo cane è molto timido o ha paura dell’aeroplano, potrebbe essere meglio farlo viaggiare in stiva.

I cani non vengono mai lasciati soli nella stiva e possono sempre contare sulla assistenza del personale di bordo. Inoltre, la maggior parte delle compagnie aeree fornisce acqua e cibo ai cani durante il volo.

Quanti cani muoiono in stiva?

Secondo l’International Air Transport Association (IATA), circa il 2% dei cani che viaggiano in stiva muoiono. Questa percentuale copre tutti i tipi di cani, grandi o piccoli, anziani o giovani. La maggior parte dei decessi avviene a causa della mancanza di ossigeno o dell’alta temperatura.

Le compagnie aeree si sono impegnate a ridurre al minimo le perdite di vite umane e animali durante i voli. Alcune misure che vengono adottate includono il controllo delle temperature e dell’umidità nella stiva, il monitoraggio degli animali e la formazione del personale che si occupa della loro cura.

Ma cosa fare se si deve viaggiare con un cane in aereo? Ci sono alcune cose da tenere in mente. Innanzitutto, informarsi sulle politiche della compagnia aerea riguardo al trasporto degli animali. Poi, assicurarsi che il cane sia in buona salute e che abbia ricevuto tutti i vaccini necessari. Infine, preparare un kit per il viaggio contenente acqua, cibo e giochi per intrattenere il cane durante il trasporto.

Quali sono le compagnie aeree che accettano animali a bordo?

Quando si viaggia con il proprio animale domestico, è importante sapere quali compagnie aeree accettano animali a bordo in Italia.

  • Alcune compagnie aeree, come Alitalia e Ryanair, accettano solo cani e gatti di piccola taglia.
  • Altre compagnie, come Air One e Lufthansa, accettano anche cani di media e grande taglia. Inoltre, alcune compagnie aeree offrono un servizio di trasporto per cani e gatti, mentre altre no.

Prima di prenotare il volo, è quindi importante controllare le condizioni relative al trasporto degli animali.

Per maggiori informazioni sul trasporto degli animali in aereo, è possibile consultare il sito della Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI), all’indirizzo www.anci.it.

Come si viaggia con un cane?

Viaggiare con un cane in aereo può essere molto piacevole, ma bisogna tenere a mente alcune cose per rendere il viaggio divertente e senza problemi per tutti. Innanzitutto, assicurati che il tuo cane sia in buona salute e che non abbia problemi di stomaco. Inoltre, è necessario preparare la valigia del cane in modo appropriato.

Prima di partire, porta il cane dal veterinario per un controllo e per farsi vaccinare se necessario. Ricordati di portare con te il libretto sanitario del cane, in modo da poter mostrare eventuali vaccinazioni al veterinario durante il viaggio. Se viaggi all’estero, informati sulle normative vigenti in materia di importazione ed esportazione canina.

Quando si prepara la valigia del cane, bisogna considerare che quest’ultimo avrà bisogno di un po’ di tutto. Innanzitutto, gli occorreranno dei giochi per intrattenerlo durante il viaggio, come ad esempio un Kong riempito con biscotti o una pallina da tennis. Clicca qui per scoprire il miglior kong per cani! Inoltre, è importante portare con sé della crocchette, dell’acqua e qualche snack per il cane. Se si viaggia in aereo, ricordati anche di portare il sacchetto per i bisogni del cane in aereo.

Durante il viaggio, è importante mantenere la calma e far calmare il cane. Non lasciarlo mai libero di vagare per l’aeroporto o il terminal: potrebbe scappare o attirare l’attenzione su sé mettendo a rischio la propria sicurezza e quella degli altri passeggeri. In caso di lungo viaggio in macchina, organizza dei stop periodici per permettere al cane di fare i suoi bisognini e dissetarsi.

Quando costa spedire un cane?

Quando si decide di spedire un cane, bisogna tenere in considerazione il costo della spedizione. Questo varia in base alla destinazione, al peso e alle dimensioni del cane.

 Per esempio, se si decide di spedire un cane in Europa, il costo sarà di circa 100 euro. Se invece si decide di spedirlo in America, il costo aumenterà fino a circa 200 euro.

 Questo perché la distanza da coprire è maggiore, e quindi i costi di trasporto sono maggiori. Inoltre, è necessario considerare anche il peso del cane: più questo è elevato, più i costi di spedizione aumentano.

 Le dimensioni del cane sono altresì importanti: se il cane è troppo grande, potrebbe non entrare nella cassetta delle lettere, e quindi dovrà essere spedito tramite corriere. Anche in questo caso i costi saranno maggiori.

 Per quanto riguarda i cani piccoli, essi possono essere spediti tramite posta ordinaria, a un costo minore. Tuttavia, bisogna sempre controllare le condizioni di spedizione applicate dal corriere o dalla posta.

 In generale, quindi, per spedire un cane è necessario disporre di un budget che va dagli 80 ai 250 euro, a seconda della destinazione e delle modalità di spedizione scelte.

Quanto costa fare il passaporto per il cane?

Il costo del passaporto per cani varia a seconda della regione in cui viene richiesto, ma solitamente si aggira intorno ai 30-40 euro. Il passaporto per cani include un microchip identificativo, la vaccinazione antirabbica e un certificato di buona salute. Alcune Regioni, come ad esempio la Lombardia, richiedono anche l’iscrizione al registro regionale dei cani.

Per viaggiare col cane in aereo bisogna essere sempre muniti di passaporto!

Quanto tempo ci vuole per avere il passaporto del cane?

In Italia, il passaporto del cane deve essere rilasciato dal Comune in cui l’animale risiede. Generalmente, il documento viene rilasciato entro una settimana, ma può richiedere fino a 15 giorni.

Cosa succede se il cane non ha il passaporto?

È possibile viaggiare all’interno dell’Unione Europea con il proprio cane, purché questi sia munito di passaporto. In caso contrario, è necessario procurarsene uno entro dieci giorni dall’arrivo nel Paese europeo in cui si intende soggiornare.

Il passaporto per i cani serve a identificare il proprietario e a certificare che il cane è vaccinato contro la rabbia. È valido per tutti i Paesi dell’Unione Europea e deve essere rinnovato ogni anno in modo da poter viaggiare col cane in aereo.

Dove si fa il passaporto europeo per il cane?

A chiunque sia proprietario di un cane, può capitare di dover viaggiare all’estero con il proprio animale e per questo è necessario munirsi del passaporto europeo per il cane. Ma dove si fa?

Il passaporto europeo per cani e gatti viene rilasciato dalle autorità competenti dello stato membro dell’Unione europea in cui risiede il proprietario dell’animale. Questo documento attesta che il cane o il gatto è sano e vaccinato contro la rabbia.

Per richiedere il passaporto europeo per il proprio cane è necessario recarsi presso una delle sedi elencate sul sito web del Ministero della Salute, compilare l’apposito modulo e allegare la documentazione prevista (libretto sanitario, ricevuta della vaccinazione antirabbica, eventuale certificato di malattia).

Una volta rilasciato, il passaporto europeo per cani e gatti ha validità di 5 anni.

Conclusione

Se ti chiedevi come viaggiare col cane in aereo, ora sei esperto in materia! Ti è piaciuto questo articolo? Ecco altri articoli che parlano della cura dei cani: